A PROPOSITO DEI RECENTI ARRESTI IN LOMBARDIA E DEI COLLEGAMENTI ALLA VICENDA BREBEMI

Con piena fiducia nel lavoro della Magistratura attendiamo gli esiti dell’inchiesta affinché si chiariscano tutti i dettagli della vicenda e si definiscano le responsabilità in merito agli arresti del Vicepresidente del Consiglio regionale PDL, del coordinatore dello staff della direzione generale di Arpa Lombardia e di altre otto persone per i reati di traffico illecito di rifiuti e corruzione.I reati contestati sono gravissimi e sintomatici di un sistema gravemente compromesso, come da anni denunciano tutti coloro che lottano contro la realizzazione di BREBEMI e TEM. Se si dimostrasse fondato quanto riferito dalla stampa, ovvero che in due cantieri dell’Autostrada BRE.BE.MI siano stati depositati rifiuti speciali e pericolosi tra cui Cromo esavalente e scorie di acciaierie,emergerebbe un sistema di corruzione e malaffare, una vera e propria cupola eco-mafiosa, che ruota intorno alla gestione e lo smaltimento dei rifiuti e alla costruzione delle nuove autostrade.

Si cementifica, si inquina con lo smog, si mettono le mani nelle tasche di lavoratori e pendolari con i pedaggi piu’ cari del mondo, aumentano i biglietti dei mezzi pubblici, non si costruiscono le metropolitane, e ora scopriamo che tanto, forse, a qualcuno ancora non bastava. Cosa vuole di piu’ la speculazione edilizia e finanziaria??

Materiali inquinanti sotto le sedi stradali: pensiamoci bene! Si tratterebbe di atti gravissimi contro le popolazioni lombarde, in quanto le falde sarebbero inquinate, le acque dei grandi fiumi, del Canale Muzza, dei fossi utilizzati dai nostri agricoltori, situate a Nord dei nostri paesi, rischierebbero di trasportare con se veleni di ogni specie!

Dopo il sequestro dei cantieri BREBEMI,ci auguriamo che le relative indagini vengano fatte prendendosi tutto il tempo necessario: fino alla settimana scorsa autorevoli esponenti politici dicevano ”poseremo le prime pietre di TEM a breve, perché essa è essenziale al funzionamento di BREBEMI”. Bene, se i cantieri BREBEMI si fermano per le necessarie indagini, non ci si permetta di andare avanti con la balzana idea di venire nelle campagne della Martesana a fare sfilate precarnevalesche.

“Fare presto, fare bene” sono sempre state le loro parole d’ordine: alla luce dei fatti di questi giorni forse la loro fretta è motivata dalla necessità di coprire future magagne? Perché far andare avanti cantieri che non hanno la copertura finanziaria e magari rischiano di rimanere, come potrebbe accadere oggi a Cassano, colate di cemento abbandonate e “imbottite” magari di scorie in mezzo alla verde pianura?

Facciamo tutti un giro a vedere i piloni di Cassano D’Adda, (stando a debita distanza, che è meglio). Noi li manifestammo l’estate scorsa! Sarà un esperienza utile a rafforzare, in ognuno di noi, le motivazioni morali fondamentali nella lotta contro la TEM, oggi piu’ che mai attuale alla luce dei recenti avvenimenti, e come sempre tenetevi e teniamoci informati sulle prossime iniziative di lotta. E soprattutto, per ribadire che noi siamo puliti e ci mettiamo la faccia, continuiamo a comprare i biglietti della sottoscrizione a premi NO TEM per sostenere i ricorsi legali…noi con 1euro onesto contro i loro 1700Milioni!! NO TEM, E BASTA!

Giancarlo Broglia – Paullo
Paullo 02 Dicembre 2011

 

Annunci

Informazioni su notemsimetro

Comitato per una mobilità sostenibile, contro il progetto di Tangenziale Est Esterna a Milano e per l'estensione del trasporto pubblico su rotaia.
Questa voce è stata pubblicata in Paullo. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...